hanicker + feed   3

Redefine Desktop, un lettore RSS da desktop con layout in stile magazine
Se siete alla ricerca di un buon lettore di feed-RSS da desktop ma, sino ad ora, non avete ancora trovato la risorsa che fa al caso vostro allora potreste provare a dare un’occhiata a Redefine Desktop.
Si tratta, appunto, di un applicativo basato su Adobe Air, scaricabile ed utilizzabile in modo completamente gratuito e perfettamente compatibile con OS Windows, Mac e Linux, che va a configurarsi come un elegante strumento mediante cui visionare tutti i feed aggiunti a Google Reader direttamente dal proprio dekstop o, ancora, come strumento grazie al quale gestire i flussi di notizie in maniera del tutto indipendente dalla risorsa messa a disposizione da Big G.
(...)Continua a leggere Redefine Desktop, un lettore RSS da desktop con layout in stile magazine, su Geekissimo
Redefine Desktop, un lettore RSS da desktop con layout in stile magazine, pubblicato su Geekissimo il 02/08/2011
© Martina Oliva (Bugeisha) per Geekissimo, 2011. | Permalink | Commenta! | Aggiungi su del.icio.us Hai trovato interessante questo articolo? Leggi altri articoli correlati nelle categorie adobe air, Feed, Freeware, Google Reader, Linux, Mac, Windows. Post tags: applicazione per adobe air, file di testo, Google Reader, HTML, lettore rss, Linux, Mac, magazine, software adobe air, Windows
applicazione_per_adobe_air  Feed  Windows  Mac  software_adobe_air  adobe_air  lettore_rss  magazine  file_di_testo  Google_Reader  Freeware  Linux  HTML  from google
august 2011 by hanicker
Non so più leggere
Oggi mi sono reso conto che le mie abitudini e abilità di lettura sono pesantemente cambiate. Non ci ho dato molto peso finora perché era una sensazione vaga e un fastidio indefinito, ma tra ieri e oggi sono nati due siti per i quali ho un po’ più d’interesse perché conosco le persone che li hanno creati e mi avrebbe fatto piacere guardarli meglio.

Premessa: la grande maggioranza delle informazioni che mi arrivano tramite la rete è in forma “sequenziale”, seriale. Il flusso ordinato cronologicamente dell’aggregatore RSS, le pagine dei social network, i risultati delle ricerche su Google, le foto di Flickr, la musica di Blip.fm. Nel mio browser ciascuna tab corrisponde a una pagina che fornisce una “vista” su una fonte informativa della quale posso risalire la corrente fino a un punto che mi interessa o semplicemente per riprendere da dove avevo interrotto la lettura.

Ho perso parzialmente la capacità di destreggiarmi su un layout complesso come questo:

o questo:

Vedere pagine fatte così mi fa venire l’ansia di scegliere un link; sono saturato da troppa roba tutta insieme spalmata sulla pagina, ho il sospetto che fare una scelta mi possa fare perdere dei contenuti che mi potrebbero interessare che magari sono nella colonna a fianco. L’imbarazzo della scelta accompagna il timore di non riuscire a vedere tutto quello che ci sarebbe di interessante. Dove vado prima? Clicco una foto? Ok, ma se mi perdo nei meandri della navigazione, poi magari non ho più tempo per scorrere la sezione tecnologica, o mi scappa il post di presentazione del sito. Oppure chi ha creato la pagina ha dato risalto a cose che mi interessano meno di altre che invece sono più defilate.

Insomma: la prima sensazione che ho è che non riuscirò mai a leggere tutto, e quello che leggerò potrebbe non essere il meglio per me. Anni di browsing dei feed mi spingono a cercare la formula “dammi tutto e tutto uguale, poi decido io cosa mi interessa”. Benché possa sembrare il contrario, il “dammi tutto” è più vicino al modello delle riviste cartacee: le prendi, le apri a pagina 1, le scorri fino all’ultimo e più o meno riesci a vedere tutto quello che c’è. E se lo scopo della homepage di questi siti è quello di emulare il sommario, è un tentativo fallito, almeno per quanto mi riguarda.

Prendiamo Blognation: ha 10 notizie in evidenza, di cui 8 o 9 su argomenti che non mi interessano minimamente; trattandosi di una raccolta di post e opinioni, è evidente che “il mondo visto dalla rete” (motto del sito)  non è lo stesso mondo che vedo io. O più banalmente la mia fetta di interessi non collima con il massimo comune denominatore.

Forse, più che perdere l’abilità di trovare cose interessanti, sono diventato più schizzinoso, mi sento stretto dentro una collezione di informazioni raccolte da altri (o da algoritmi automatizzati). Sono abituato a pagine con una percentuale altissima di contenuti rilevanti per la mia attenzione: i feed, i contatti sui social network, le ricerche sui motori, la musica, sono tutti elementi scelti da me e contribuiscono a creare la mia “vista sulla rete”, che è certamente parziale ma ha dalla sua la forza di portarmi a casa flussi informativi scelti con un criterio che mi permette di non mancare nessuna notizia veramente importante e con il risalto adeguato alla “quantità di interesse” che ha per me.

Certo, questi siti hanno filtri, sezioni, blog, rubriche, tag, e in generale tutta una segmentazione che dovrebbe aiutarmi a setacciarne il contenuto, ma è una cosa improponibile da fare per più di una volta, a meno che non si sia in cerca di qualcosa di specifico. Per aggiornarsi, informarsi e affidarsi alla serendipity, non sono strumenti adatti, almeno secondo il mio parere. E poi non è automatico, va fatto ogni volta.

E quindi? Devo ancora capire bene se si tratta solo di un problema di formato che mi rende difficile l’utilizzo dei siti di informazione, oppure il problema è proprio alla radice e sta nella mia esigenza di avere fonti accuratamente scelte e personalizzate. In entrambi i casi non si tratta di un processo passivo: il bouquet dal quale attingo cambia in continuazione proprio sotto gli stimoli e l’influenza del continuo flusso di informazioni che mi raggiunge. Inoltre gli aggregatori soffrono anche di un problema di duplicazione: difficilmente perdo un post o un commento particolarmente attinente alla mia sfera di interessi, poiché la possibilità che sia già finito nei miei feed, segnalato da un contatto, visto su un Tumblr, commentato da un FOAF è elevatissima. L’abbonarsi ai feed delle sezioni tematiche non risolve il problema: molti miei contatti e fonti sono scelti anche in base alla capacità di trattare argomenti che non siano rigidamente incasellati in una particolare categoria, e che mi portino nuovi stimoli o segnalazioni che non avrei altrimenti notato.

Come andrà a finire non lo so, quello che ho capito è che adesso sento il bisogno di filtrare l’enorme quantità di dati e informazioni disponibili con strumenti dei quali conosco il funzionamento, con parametri miei, e fortemente personalizzati. Magari tra qualche anno mi stuferò e finirò a leggere il Corriere Mercantile sulle panchine del parco di Nervi, chissà.

Tags: aggregatori, feed, Internet, notizie, Personali
Generali  aggregatori  feed  Internet  notizie  Personali  from google
april 2010 by hanicker
Google Reader Play, big G propone un nuovo modo di consultare i feed-RSS
Affermatosi oramai da diverso tempo a questa parte, Google Reader, il lettore di feed-RSS firmato big G, sembra continuare a spopolare lungo l’intero web, sebbene, considerando l’avanzare delle tecnologie e l’applicazione di nuove ed interessanti idee, siano stati introdotti altrettanti performanti strumenti analoghi che, seppur minimamente, sembrano fare concorrenza al ben noto prodotto.

Proprio per far fronte a situazioni di tale tipologia, la nota azienda di Mountain View si è dunque adoperata affinché, tutto quando conquistato “online” non andasse perduto, implicando dunque l’applicazione di nuove idee al fine di rendere ancor più interessante l’affermato lettore di feed.

Sono esattamente questi i motivi per cui, soltanto da poche ore a questa parte, è stato reso disponibile un nuovo ed accattivante gioiellino online quale lo è Google Reader Play, così come dichiarato sul blog ufficiale.

(...)Continua a leggere Google Reader Play, big G propone un nuovo modo di consultare i feed-RSS, su Geekissimo

© Martina Oliva (Bugeisha) per Geekissimo, 2010. |
Permalink |
4 commenti |
Aggiungi su del.icio.us

Hai trovato interessante questo articolo? Leggi altri articoli correlati nelle categorie Feed, Google Reader.

Post tags: contenuti multimediali, Feed-Rss, fullscreen, Google, Google Reader, Google Reader Play, leggere feed, lettori rss, miniature, slideshow
Feed  Google_Reader  contenuti_multimediali  Feed-Rss  fullscreen  Google  Google_Reader_Play  leggere_feed  lettori_rss  miniature  slideshow  from google
march 2010 by hanicker

Copy this bookmark:



description:


tags: